"IN-FINITO" ANIMAZIONI COMPUTERIZZATE

"IN-FINITE" COMPUTER ANIMATIONS

SOFTWARE-ART
GIOSUE' MARONGIU
© BY S.I.A.E.
ANIMAZIONE STEREOMETRICA COMPUTERIZZATA IN 3D:
Opera di Software-Art a visione tridimensionale stereometrica/polarizzata, una tridimensionalità che è possibile cogliere con speciali occhiali a lenti polarizzate fornite dall'autore. Questa tecnica di visione in 3D...


THREE-DIMENSIONAL STEREOMETRIC COMPUTER ANIMATION:
Work of Software-Art in a stereometric/polarized three-dimensional vision,
a three-dimensional vision which can be
taken thanks to special glasses with
polarized lenses provided by the author...

 Speculum files movie 3  

   

   

   

ANIMATED PAINTINGS

The Speculum’s Factory ”

The artistic research I started around the years 89-90 on speculative images has led me to experiment in a geometric figure, or basic module, the various possibilities of relationship, arithmetic, with its double, triple, quadruples and etc. The symmetry relationship between these modules, clones of the first, gave rise to interactions if placed in the same space. These contacting modules become meaningful and clear when they relate to each other, both structurally and chromically, giving sense to the structure as a form and triggering an autonomous evolutionary mechanism capable of logically linking multiple shapes of shapes, static if taken individually, frames, and dynamics in animations. These forms underline, with each change, an important structural change to build, if added together, one's own chromosomal heritage necessary for the attainment of identity. The rhythmic-sounding moment is very important as it puts the shape to the best of its four dimensions, making the concept more clear. Its growth does not develop in a dimensional sense but according to the evolution of its intelligence that is proportional to the transformations it has undergone. An entity with autonomous expression that "navigates" to three hundred and sixty degrees no longer relegated within perimeters of static and mute communicative spaces.

Giosuè Marongiu

“La Fabbrica Degli Speculum”

La ricerca da me  iniziata , intorno agli anni 89-90, sulle immagini speculari mi ha portato a sperimentare in una figura geometrica, o modulo di base,  le varie possibilità di relazione, aritmetiche, con i suoi, doppi, tripli, quadrupli e così via. La relazione della simmetria fra questi moduli,  cloni del primo, ha dato origine ad interazioni se collocati in un medesimo spazio. Detti moduli a contatto tra loro diventano significativi, e chiari quando si mettono in relazione fra di loro, sia strutturalmente che cromaticamente, dando senso alla struttura in quanto forma ed innescando un meccanismo evolutivo autonomo in grado di mettere in relazione logica più sequenze di forme, statiche se prese singolarmente, fotogrammi, e dinamiche nelle animazioni. Queste forme sottolineano, ad ogni mutamento, una variazione strutturale importante tale da  costruire, se sommate tra loro, un proprio patrimonio cromosomico necessario per il raggiungimento della identità. Il momento ritmico-sonoro è molto importante poiché pone la forma al meglio delle sue quattro dimensioni, rendendo più chiaro il concetto strutturale. La sua crescita non si sviluppa in senso dimensionale ma secondo la evoluzione della sua intelligenza che è proporzionale alle trasformazioni subite. Una entità con espressione autonoma con la quale ”navigare” a trecentosessanta gradi non più relegata all’interno di perimetri di spazi comunicativi statici e muti.

                                                       Giosuè Marongiu

Il sincronismo tra audio e video potrebbe risultare, in alcune animazioni, sfalsato a causa della velocità di lettura dell'web

Shopping online 


Home page